Ruoli

Sono la costellazione che accarezza le tue debolezze, che corteggia i tuoi momenti spauriti. Quando ti chiudi in quel broncio da cui pensi di non poter uscire, quando si risveglia lo sconforto nel cuore io appaio all’orizzonte. Sono la luce che colma i tuoi vuoti, la tempesta che risponde all’aridità. Mi trovi non dove vuoi ma dove ti serve. Questo è il mio ruolo.

Vedi, ci troviamo nella Vita a poter ricoprire dei ruoli. Possono essere ruoli che ci rendono felici o meno, ma sono i ruoli che ci rendono Veri. Se ne avrei preferiti di diversi? Che importa, è una domanda senza senso. Il senso non si trova fra desideri e “se”, si trova invece fra gli atti, fra le carezze date quando servono, non quando ci va di darle. Credo che la conosca, nel profondo, la differenza. È la differenza fra chi ti cura e di chi tu sei la cura, magari ad un desiderio passaggero, ad un sabato di noia. A un mal di vivere che si nutre di piccole cattiverie. A volte non vedere questa differenza elementare riconosciuta mi ha incrinato il cuore, reso storta la figura.

I ruoli bisogna anche saperli lasciare, fare un inchino, lasciare un fiore alle spalle, appoggiare la maschera dopo che il palcoscenico si è spento. Uscire fuori. Bere una decina di birrette ghiacciate. Di quelle che ci stanno in un sorriso, e poi ne procurano ancora uno. Quando poi l’onda vaga ti rende il sorriso troppo largo, insostenibile, allora è necessario tuffarsi nel fiume. Riemergerne alterati. Emergerne immortali, anche se senza nome. Vedi, io non so come si affronti l’eternità se non hai un nome, però ci provo ugualmente. Non sono i dubbi che mi hanno reso vivo, sono i cieli, ampi, infiniti, e chi ha il coraggio di levare gli occhi, di sperare un po’ più in là, magari anche solo di lasciare uno spiraglio aperto, per una costellazione a riempirlo.

Leave a Reply

Your email address will not be published.