Zen: prerequisito per avere Vodafone Casa

Il mio proposito di essere schifosamente felice incontra le prime sfide.

Bene.

Alzarsi presto al mattino, essere in azienda alle 8:20 e ricevere in quel momento una e-mail: appuntamento saltato.

Bene.

Uscire dal Poli, fare spesa, tornare a casa alle 19:50 con l’intento di provare almeno una volta la presentazione di domani. Vodafone Casa però, tanto per cambiare, non funziona.

Bene.

Chiamare il servizio clienti. Ma non puoi richiedere assistenza sull’ADSL chiamando dal numero associato all’ADSL. No, devi farlo da un altro telefono. Pagando.

Bene.

Poi parli con un operatore che rimette in discussione alcuni concetti basilari del funzionamento delle reti (delle quali ammetto di non essere un grande esperto, certo. Però se sono cose che ho verificato di persone, mi sembra un elemento in più a favore del fatto che avessero ragione i professori del Politecnico che me le hanno spiegate e non la fantasiosa signorina.

Bene.

Sono ancora di buon umore.

Quali sfide attendono domani il mio buon umore? Una risata le seppellirà.

Leave a Reply

%d bloggers like this: