Piramidi da Starbucks

…come una piramide Maya in giardino. Prima il tempo scorda uno a uno i granelli, poi gli altari sacrificali diventano amabili resti. E poi rispunta da sotto l’edera, solleticata da un riflesso che fa correre lì la memoria.

…come una costellazione di sette soli, che si eclissano l’un l’altro. Hai mai provato a fermare un eclisse a mani nude? E’ difficile.

…come sentirsi il nipote di un re che fa il venditore di macchine usate. Fingi che siano importanti i traguardi di fine mese ma ti é difficile appassionarti a cose francamente insignificanti.

 

Leave a Reply

%d bloggers like this: