Notiziario breve

Recentemente non scrivo perché questo, come ogni altro interesse, è soffocato da quello che sto facendo, dal “lavoro”, che é una sfida, una passione che non mi lascia dormire, non mi lascia uscire. A fatica vado a comprare da mangiare. Non riesco a pensare ad altro è un’ossessione. La sera, i week-end.

È fantastico. Una sensazione bellissima. Penso, penso tutto il giorno, provo, studio.

So che è un periodo, ci sono scadenze e un ritorno a breve. Manca meno di un mese.

Mi fermo poco, il tempo di una birra (è sabato sera, dopotutto), un episodio di Friends.

Poi non so, mi viene in mente quell’episodio vago, che non ricordo mai chiaramente, solo un’ombra accennata in testa. Mangiavamo qualcosa, seduti su un muretto. Vicino c’era un asilo. Non ricordo nient’altro, neanche che volto avessi quel giorno. Era un buon giorno, forse non avevamo litigato nemmeno. Eravamo in Italia, credo, il Nord-Est forse. O era la Toscana? È strano come le cose spariscano, lo penso spesso.

Puff, non ci sono più.

E la conseguenza è che mi mancano le chiavi per capire chi ero, anche chi eri tu. Mi spiace perderlo, mi sembra uno di quei ricordi che valgono qualcosa, che metti via perché in una vita ne raccogli pochi. Forse uno solo. E forse solo se sei fortunato. Rimango senza capo né coda, se ammetto di perdere la capacità di ricordarmi di me, di chi sono stato. Non ho un filo da ripercorrere all’indietro. Non so riguardare il percorso, valutarne la coerenza, usarlo per capirmi, per capire gli altri. Non ho veramente un passato. Credo fosse anche una delle tue ossessioni o delle tue paure. Ne avevi tante. C’è chi non ha paura di nulla, invece. Se non un giorno in cui una mano le farebbe utile, ma io ho le mie ossessioni, che chiamo passioni.

È strano, in questo periodo conduco una vita monacale: non mi interessa nulla che non riguardi strettamente le mie passioni. La mia unica passione.

Poi tornerò e tutto cambierà, ancora una volta. Vivrò buone cose, le perderò per strada, le riguarderò di lontano e non le saprò più capire.

Leave a Reply

%d bloggers like this: