Ci sono

Ci sono mezze verità e boschi in cui provare a perderle. Ci sono ritorni che non sai fare, e partenze che mai davvero, mai capace di viaggiare libero. Che del vento ne parli, ci parli, e non gli fai mai compagnia accanto per strada. Eppure passa ancora a trovarmi di tanto in tanto, ricordarmi di quando soffiava nelle strade dai nomi impronunciabili, o magari di quando si faceva largo fra le aperture di quel castello, il suo baciare imperfetto la montagna.

Eppure, che ci creda o no, sono ancora qui da qualche parte. E lontano, più lontano di quel che io possa capire dall’aver bisogno di tutto questo. Non legato a quello che ho fatto, costruito, rimpianto, invecchiato ma indissolubilmente a quanto sono e so essere. Da lì poi a quanto so fare, Vivere, plasmare. Che se la Vita viene qui e se la gioca a dadi o d’astuzia, io ci sono. Ho un sorriso sghembo da qualche parte e lo tirerò fuori. Devo solo cercarlo, negli altri pantaloni o in qualche armadio.

Ho occhi scuri in cui riposa il mio destino. Ma è importante ricordarsi che accanto a quello dorme il destino di ciò che mi sta a cuore e quello di ciò che credo di avere il dovere di essere. Un’esplosione di luce e Vita come non lo capiresti mai, in onore degli antenati e di quanto ricevuto. Che ti sembra sempre di averlo perso e invece lo ritroverai in tasca quando serve.

Ci sono, da qualche parte.

Leave a Reply

%d bloggers like this: