Voglio?

Voglio diventare un vecchio signore rompicoglioni. Smettere di fare casino in casa di modo da potermi lamentare della vicina che alle tre tiene la tele a tutto volume… visto che mi capita di fare rumori alle quattro per ora non ho il diritto di lamentarmi… ma l’acquisirò e spenderò tutto il tempo che mi avanzerà dallo stare a monitorare l’avanzata dei lavori pubblici (e tutte le altre incombenze da vecchio rompicoglioni) a lamentarmi. Oh si.

E pare un abbozzo di learning agreement stia comparendo: non traduco manco i titoli dei corsi, li scelgo a caso. In fondo credo lui ne sappia più di me.

Sarà strano dimentcarsi di sè stessi. Io per ora non ci penso ad un anno di vita da inventarsi. O in fondo così strano non sarà, è un gioco già giocato, a seminar pelli vecchie lasciando una scia che a guardarla di lontano non la si capisce. dovrei essere in una di quelle pelli abbandonate per strada per farcela. E così. Sono giorni che se ne vanno… nelle sindromi adolescenziali abbracciano freschi ventiseienni che cercano cose dentro a canzoni come birre in frigoriferi vuoti.

E’ questo che fa commuovere, che muove l’animo dentro. Spazi ampi e freddi e nessun alcolico a consolarli…

Certo quando dice che

Tradiscono i decenni,

saranno gli anni fa.

Il tempo li fà belli

questi anni non li avrai,

se no li perderai.

Forse è il pessimismo tardivo di chi non ha avuto il coraggio di avvicinarsi a lei e chiederle almeno il nome, se poi altro seguisse fosse il tempo, strade dissossate o macchie di gelato al pistacchio a deciderlo. Non io, non tu, non lei. Dimentichiamoci tutti. Tutto. Fidati e prendi questa mano che qui fra noi è l’unica a conservare una memoria. Più una saggezza antica, innata, immota. Primeva. E affidiamoci a ciò che è, certo nel proprio esistere. Se questa strada è qui, e l’albero l’accarezza da anni un perchè, credimi, c’è. E dimenticando anch’io ho trovato il posto per capirlo.

Poi,

dopo penserai,

quel certo sole dov’è mai??

E poi dopo quando smetti di chiedertelo alza lo sguardo. Capita che ce ne sia un altro di sole a guardarci bene, direi che può andare anche questo, no? Non sono uno che sta a badare al capello…

La storia è lì che sta,

in un disegno che guardai.

[…]
Tradiscono i decenni

E restituiamo il favore. Tradiamo questi porci anni. Se ci seminiamo pelli addietro è anche per non farci riconoscere. Confronti impietosi, chi ne abbisogna?

Comunque mi è capitato di scrivere una cosa in endecasillabi e penso che potrebbe essere esperienza da ripetere, da ripetersi in futuro. Certo poi magari evitando di pubblicarla qui. Può non sembrare ma voglio bene ad alcuni dei miei lettori.

Leave a Reply

%d bloggers like this: