Un segreto che non voglio imparare

E dormi. Come se fosse silenzio, come se si potesse mettere a tacere un universo di forme in movimento, di tracce congelate, di ricordi che piovono a passi brevi e nervosi. Valanghe di cartoline: bagnanti prosperorse, risate, viaggi lunghi come serpenti, accanimenti su pinte indifese, disperate ritirate da rifiuti troppo immaginati per essere vinti. E tu ci riesci a dormire, a lenire il dolore sottile di percorsi che ingialliscono, di immagini che smettono di inseguirti. A me tempestano gli occhi, occupano le mie finestre. E’ che vivo per quel brivido che, so per certo, troverò appena più in là.

Leave a Reply

%d bloggers like this: