Torino è nuovamente mia

Devastato. Mal di testa. Stanchezza. Notte insonne.

Cerco un po’ di sollievo in Donatella Rettore, in quella "Dammi una lametta" che aveva aperto il mio viaggio. E poi nel testo di "Donatella". Mi manca di leggere "La coscienza di Zeno" con la giusta scenografia (ovvero la città in cui è ambientato) ma è qualcosa che non scambierei con la medicina che curerà questo mio mal di capo: amici e fiumi di birra. D’altra parte non posso esirmi dall’essere il solito cazzone nonostante il settore della formazione in campo IT ora pesi quasi per intero sulle mie possenti spalle…

Eccomi perplesso alla lavagna in un attimo di pausa e la sera, pronto per uscire al pub dopo aver arrabbattato qualche appunto per la lezione seguente.

1 Comment

  1. Alessia
    1 Apr, 2007

    Sei uno scoppiato e le foto parlano da soleeeeeeeee…….AHAHHAHAHHAHHA
    Bacioniiiiiii!

Leave a Reply

%d bloggers like this: