Domenica, anno di grazie 2006

Dai ammettiamolo subito e facciamola finita. La verità è che non so di cosa parlare. Per varie ragioni intendiamoci. Una di queste è che alcuni argomenti preferisco tenerli al riparo da questa pubblica piazza, di altro ho già parlato e straparlato. Infine c’è anche da considerare che, a ben guardare, il frenetico fluire degli eventi non vede la mia esistenza al centro del ciclone.

Eppure eccomi qui a scrivere. Di nulla in nulla, cavando le parole una ad una dal metafisico cestino che racchiude i post-che-non-sarebbero-mai-dovuti-essere-scritti. Però è Domenica e per me la Domenica è malinconica. Non c’è niente da fare. Probabilmente lo è perchè è il giorno migliore da dedicare al rigirarsi i pollici e deprimersi leggermente, insomma è il tipo di umore che concilia la pennichella, inoltre oggi non vi sono compiti eccessivamente urgenti da assolvere che distolgano la mia attenzione e mi iniettino adrenalina in circolo. Calma, sonnolenza e un briciolo di tristezza. Uno dei modi per contenere questa sensazione in limiti più che salutari è spendere la giornata facendo una bella castagnata in quel di Rosta. Ritrovo poco dopo le tre dal buon Boss che ha provveduto a raccogliere la materia prima (le castagne) e tutti i beni accessori: dalla legna al necessario per preparare queste benedette caldarroste. Ci si raduna a poco a poco e si parte. Per le vie del bosco vi è un gran viavai. Tutti salutano, quando non si cammina sull’asfalto ma fra i sentieri si usa così. E risento quei "ciau" di queste parti con quella "u" finale che non ci prova nemmeno lontanamente ad essere una "o". E’ una "u" punto e basta, felice di esserlo. Si inizia a cuocere, si versa il vino. Si torna a recuperare le castagne dimenticate a casa. Nel frattempo giungono anche i ritardatari fino a quel momento impegnati in altre mansioni. E così fra rievocazioni di tempi passati, chiaccherate e un abbondante fiume di cazzate il tempo passa. La bella giornata con lo scurirsi indossa un pò i panni della vigilia di una nuova settimana con tutto quel che ne consegue; è solo un istante che però lascia dietro di sè, depositata da qualche parte, l’idea che dopo i vari impegni, il corri corri e le ansiogene situazioni di una normale settimana ci sarà sempre il ritorno ad un week-end fatto di vecchi amicizie. Stagionate, di quelle buone.

Epperò almeno un accenno piccolo piccolo a ieri sera lo voglio fare perchè è stata una bella serata. Semplice. Ho avuto la possibilità di incontrare una persona con cui ho tanto parlato, di vedere i suoi amici e di farmi qualche birra e qualche risata con due vecchie conoscenze, senza fare nomi uno di loro è un misterioso amico sudamericano di quelli che sanno sempre tirar fuori qualcosa di divertente da una serata e allo stesso tavolo c’era sempre un vecchio ubriacone che è più di una granitica certezza. Una sorta di assicurazione di alcol e spensieratezza. Diavolo tutto sommato mi piace la realtà. Soprattutto quando posso essere me stesso a mio agio senza bisogno di impersonare una parte e gustandomi la mia (appena contenuta) dose di birra (preferibilmente sotto forma di Chester Storm).

Già che ho tempo da perdere vi volevo parlare di hi5, un servizio iscrivendosi al quale (gratis ovviamente) si possono vedere i contatti MSN dei nostri contatti (qualora siano iscritti). E magari scoprire di avere amici in comune. Fate prima a passarci e dare un’occhiata, secondo me almeno un pò è interessante anche se non vi posso promettere che trasformerà la vostra vita in una rutilante esplosione di euforia.

Il notiziario prosegue segnalandovi che Vale M. ha aperto il suo blog ieri sera, lo potete trovare all’indirizzo: http://alloscoperto.spaces.live.com

E…

dai avete subito già abbastanza per questa sera. Ma continuerò a tormentarvi, non sperate neanche per un istante nella salvezza.

2 Comments

  1. vale
    16 Oct, 2006

    ciao fede conosco già hi5 solo non ho ancora avuto molto tempo di mettermi li ad usarlo,avevo fatto anche un profilo,è carino!

  2. justine
    15 Oct, 2006

    nn c siamo sentiti oggi nè…passo solo a fare salutino…e dirti beato te ke ladomenica nn hai nulla da fare!!baci

Leave a Reply

%d bloggers like this: