Anni

Uno scricchiolio. Forse gli anni, speranze spezzate e raccolte durante il percorso. La schiena si curva, lo sguardo la seguirà. Non ho avuto la forza di imporre la mia volontà al corso degli eventi, annoverato fra i deboli, relegato fra la tappezzeria e le vecchie specchiere. Non ho neanche combattuto, forse avrei voluto ma non mi ritrovo lucide cicatrici da mostrare con orgoglio, le mie ferite si nascondono dentro, non fanno mostra di sè, sul mio corpo.Incapace di percepire il tempo confondo le ore con i giorni ed i mesi con i minuti. Non comprendo, invero, che la sfida è nel continuo movimento, nel mutare delle intenzioni e delle direzioni, dei metodi e degli obbiettivi. Dimentico e mi ritrovo sorpassato. Non reggo il passo e sui campi di battaglia arrivo dopo i corvi.

2 Comments

  1. Sara higitusfig​itus
    29 Jan, 2006

    Si capisce eccome…Cadere, ricostruire e avere la certezza che non crollerai del tutto..hai scritto più o meno così…Verissimo…Non crolli no…però lentamente ti sgretoli…sbaglia oggi…sbaglia domani…In questo periodo sono decisamente pessimista..ma le situazioni che mi avvolgono non mi permottono di pensare diversamente…
    " Non è per sempre" è triste si…ma trovo che lasci aperte diverse possibilità…

  2. 83Saretta83 wrote:
    12 Jan, 2006

    Si…Per non dire "Non ho avuto la forza di imporre la mia volontà al corso degli eventi, annoverato fra i deboli, relegato fra la tappezzeria e le vecchie specchiere. Non ho neanche combattuto, forse avrei voluto…"Scusa se ti rubo le parole ma rendono bene l’idea…Vorrei far capire le mie ragioni…Farmi conoscere alle persone che mi sono vicine…Chiedo sensibilità…

Leave a Reply

%d bloggers like this: