Amici e compagni di scuola

Serata con gli amici, fra una birra, una partita a grass ed il solito ineluttabile mare di cazzate ci si guarda compagni di scuola, film di una ventina d’anna fa credo che parla di un ritrovo di ex compagni di liceo quindici anni dopo la maturità. Presenti il solidissimo compagno di classe, il capo, e l’amico che avevamo introdotto in laboratorio facendogli guadagnare il titolo di membro onorario della suddetta classe: Mitch. Sono film che ci sono passati davanti agli occhi per forza qualche anno fa, ospiti fissi dello scarso palinsesto d’allora. A rivederli ora è tutt’altra cosa, si capiscono le implicazioni, le emozioni. Si sente la vita che canta o balbetta ma continua la sua esecuzione fra matrimoni, divorzi, successi, fallimenti, destini generosi od impietosi. Ed è inevitabile calarcisi. Fra compagni/e che ora fanno mostre d’arte o vivono in emilia-romagna o studiano o lavorano o son spariti dal mio radar. Si ripensa alle voci, ai compagni che stanno assieme, a quelli che lo sono stati; a cosa attende quello, dove farà il dottorato quell’altro. Verso la fine viene fuori il nome di una Maria Rita. Come la prima compagna di cui mi sia mai innamorato. Che fine possa aver fatto non lo so. Ed è strano pensare a quel ricordo appiattito fra gli altri, non meno vivido di quelli molto più recenti che, stranamente, mi paiono più eterei, quasi scomparsi, giochi d’ombre sulla tela d’una vita spesa quaggiù, separato dalla mia testa, perenemmente fra le nuvole. Grazie a tutti, compagni d’ogni di tempo.

1 Comment

  1. Claudio Stella
    12 Mar, 2008

    Hai dimenticato un piccolo particolare…porco vecchiaccio mio…

Leave a Reply

%d bloggers like this: