Ricarico pile, lascio un attimo andare le briglie. Aspetto che la gamba si riprenda. Nel frattempo casco all’Oktoberfest, i bicchieri cascano a loro volta nello zaino. Nelle tende si entra a tarda sera seguenda la via latina. Va tutto bene. Metto a stendere le aspettative e nel frattempo ascolto Tiromancino e la loro Angoli di cielo

Qualcosa c’è

che ti fa paura


e rende incerto il tuo volo.


Sarà l’idea


che il tempo si consuma

E poi c’è sempre La descrizione di un attimo a catalizzare ricordi e tempi via via troppo vicini allo sfondo, con le loro ombre distanti da qui, echi che non giungono a Karlsruhe.

Ma dove cavolo sono gli ospedali a Karlsruhe?

Leave a Reply

%d bloggers like this: