è passato un anno da un periodo di interventi come "Federico sogna", "Memorie" o  "Eterno sognare, eterno rifiutare"

Ad un anno di distanza lavori e colloqui, impegni, doveri. Proprio per questo rileggo le parole che saccentemente mi destinavo, fermo tutto, prendo una birra e butto un pomeriggio, strappandolo dall’altare del sacrificio a lavoro-futuro-impegno per riprendermelo e donarlo al mio ora. E ieri era così meraviglioso quel freddo piovere.

Ci sono cose che non possono cambiare, ci sono cose che non devono cambiare. Io non cambierò. E ora scusate, è il mio alcol-time…

1 Comment

  1. Laura Chiavetta
    8 Jun, 2007

    Caro danzatore della pioggia,
    il paradosso geometrico era volutamente ricercato giacchè,nel mio primitivo pensiero,intendevo collocare i due punti "estremi" all’infinito…Due punti estremi,che come tu hai saggiamente puntualizzato,in una retta non esistono.
     
    Per quanto riguarda il test,ahimè,sì hai realizzato più di qualche mio amico…I miei complimenti;)!
    Fortunatamente la mia misericordia è infinita,per cui,visto che gli amici in questione non mi hanno tolto il saluto dopo aver letto le idiozie sul mio blog,anch’io sarò clemente con loro:D!

Leave a Reply

%d bloggers like this: