Gli anni

Sedici anni dopo riesco a contattare un compagno delle elementari. Anno 1988, scuola elementare Cesare Battisti, Torino. Nella mia vita, nei momenti bui ho sempre visto che almeno di un aspetto del mio destino non ho mai potuto lamentarmi: delle amicizie, forti ed importanti. L’altro giorno ho risentito quel primo tassello, quel mio primo migliore amico. Mi sono commosso. E’ in programma una birra per la prossima settimana.

Per il resto è in arrivo il secondo numero di ioProgrammo su cui dovrebbe uscire un mio articolo.

Poi ripensavo, con malinconia, a certe sere in Goliardia (ed il tempo oblia un poco i tanti momenti brutti o difficili). Poi trovo una vecchia foto. Certe cose non potranno essere come un tempo. Ma in fondo è il senso di tutto; mutamenti, nuove ricerche. Tenendo stretto ciò che si può e recuperandolo. Lasciando andare il resto quando è il suo tempo, non senza aver riservato un pezzo di quel cuore che si fa sempre più affollato e più gonfio.

Ciao Stefano, Ciao Punta da me, Federico, "Cinofilus ecc ecc ecc, Servo di Punta". Per sempre.

Perchè certe cose non cambiano.

Cantavamo:

ti ricordi se capiterà che non c’ero
che i cieli sono tutti distanti

Ma forse quella distanza non è così grande se sai guardare nella direzione giusta.

3 Comments

  1. Micol
    14 Mar, 2008

    ….mi associo alla sister…..:'( ci sn rimasta troppo male anchio….una tragedia….un bacio punta….

  2. Catastrofe naturale deambulante wrote:
    14 Mar, 2008

    "Per il resto è in arrivo il secondo numero di ioProgrammo su cui dovrebbe uscire un mio articolo."…..l’editoria italiana è allo sbando!!!!!!!

  3. Alessia
    13 Mar, 2008

    E’ incredibile! ..Lo conoscevo appena..avremo parlato si e no due volte.. ma.. ieri sera mi sono sentita davvero triste qndo ho saputo.. La vita è davvero imprevedibile.. maligna e cattiva.. ma ci siamo dentro.. CIAO PUNTA!

Leave a Reply

%d bloggers like this: