Come

E’ come se l’aria si fosse fermata in quel particolare incrocio, rimane immobile. E’ impassibile, forse troppo carica, sicuramente colpita da quel particolare momento. E’ un rimanerci per sempre in momenti che non sanno più sfuggire, rimangono imprigionati in una parentesi fuori tempo. O è la vita a stonare e quelle le uniche note corrette? Rimane la sensazione che il torto debbano avercelo gli istanti che non hanno saputo inserirsi, armonizzarsi legandosi nel filo che abbandona il fuso e che segna l’incedere degli eventi, di decisioni smoccolate, di atti gettati lì fra i rovi, di pensieri accortocciati, di mani in tasca e incroci su cui sbatti la testa. Ma poi riprendi un cammino così incapace d’interrompersi, troppo innamorato di sè stesso, troppo indaffarato nel portarti appresso.

2 Comments

  1. Federico Tomassetti
    23 Feb, 2008

    Bene :)

  2. Rassviet
    23 Feb, 2008

    sai…mi piace questo post….sì.

Trackbacks/Pingbacks

  1. I miei post preferiti (update) « Eremo del viandante - [...] Come [...]

Leave a Reply

%d bloggers like this: