Dall’Irlanda

Non penso molto, la sera. Sono stanco. Ci sono dei problemi, ci sono questi errori in produzione. Lo vedono gli utenti. Milioni di utenti. E allora li sistemiamo: prima uno, poi un altro, poi domani. Domani in America l’ufficio chiude a mezzogiorno, il giorno dopo e’ Thanksgiving. Oggi in ufficio loro erano pochi. A Dublino del nostro team uno in vacanza, l’altro, Andy, parte oggi. Try to relax this evening. Io la sera non penso molto e durante il giorno faccio, poi arrivo a casa e leggo. Leggo di linguaggi straordinari, studio francese, lavoro a qualche progettino secondario. Mangio anacardi, molti, moltissimi anacardi. Cucino (male, malissimo) il martedi’, perche’ questo e’ l’ordine precostituito. Invio pacchi a...

Poi, una birra

Poi ho aperto una birra. Un anno fa ero ad una festa, circondato da persone e musica forte. Avevo un bar in casa e amici a portata di voce. Un anno e’ passato. E’ sera e C. dorme, io, per intanto, apro un’altra birra e penso. Penso a quando la birra correvo a comprarla al Tankenstelle vicino casa. Penso che tutto e’ cambiato, e tutto cambia, e a quel laghetto dietro Leopoldstrasse non saprei come tornarci. Ogni immagina e’ archiviata in qualche forma, non direttamente a portata di mano, traspare sbordata, sul fondo della lattina, o almeno credo valga fare il tentativo, cercarcela. Poi ho accelerato, ho fatto uno scarto improvviso e mi sono ritrovato qui, a Dublino. Posso stare altri sei mesi in questa casa e credo che in sei mesi io...