Se aspetti

Scivola lentamente, in un sonno silenzioso.   Smetti di pensare, continua a cadere.   Se aspetti, se aspetti abbastanza, se la luce si ferma sulla soglia, se neanche un rumore o un pensiero vengono a disturbarti, forse, allora ti capiterà di scorgermi. In fondo a tutto, in fondo alle tue giornate, ai tuoi progetti e le tue paure. Dopo le aspettative e i problemi quotidiani, dopo tutte le incombenze, il traffico, gli affanni e i ritardi di una Vita che va sempre a modo suo, e tu a coglierle dietro.   Ecco, mi vedi? Non ne sono certo. Forse la prospettiva non è giusta, lo sguardo non abbastanza lucido e io rimango una macchia sullo sfondo, un chiaroscuro incompleto.   Ci sono cose che possiamo condividere, come spezzare il pane, sederci e...

Le braci

Ho appena finito di leggere Le Braci di Sàndor Màrai. Mi è piaciuto parecchio. Si danno un bacio, uno strano bacio rapido e un po’ goffo: se qualcuno li vedesse non potrebbe fare a meno di sorridere. Ma come tutti i baci umani anche questo, alla sua maniera tenera e grottesca, è la risposta a una domanda che non é possibile affidare alle...

Blog, viaggiare, tornare

Questo blog ha compiuto sette anni e io sono tornato dall’India e da Vienna. Ho grandi bagagli e sacchetti nelle mani, un cappello buffo, di quelli che in Italia non lo capiranno mica. Si riderà, ordinando una birra e pagandola più che in Germania, si continuerà a ridere bevendola e dimenticando l’orrido sapore della Kingfisher, che va per la maggior fra Chennai e Bangalore, dove la gente mica beve per piacere.   Torno, ospite ancora una volta di ÖBB. Torno e sarei rimasto. Mi accompagni al vagone, poi siedo, stupido e stanco per qualche minuto fino a che il treno se ne va. Per quest’anno non tornerò più a Vienna.   In India c’erano parecchi colori e la gente li mischiava a rendere tutto luminoso, intenso. I sapori anche erano...