Massi o massì?

Ci sono stanze in cui la sera fa caldo e le lenzuola blu sono lì ad avvolgere sudore. Ci sono per contrasto stanze in cui torni al mattino e trovi un freddo cane a sfotterti. Ci sono dolori come polpi che si insinuano sotto pelle, nessun desiderio di andarsene. Come te d’altra parte: nessun desiderio di andartene. Io sto bene qui. Ricordi di quanti "ma chi se ne frega" hai inanellato, magari una Gauloises rossa che scivola dal pacchetto nel mentre. Ora pensi che alla fin fine un uomo dovrebbe essere contento di qualche difficoltà: servono a potersi dimostrare di non essere un frocetto. Insomma come un nano (sto parlando di fantasy) che potrebbe perdere tutto, rimanere solo con barba, ascia e reputazione. Così un uomo dovrebbe puntare ad avere una...

Evitare

Vissero infelici perché costava meno. (Leo Longanesi)

Il bello e la ricerca

Il bello di scrivere è che è in te. Magari provi a leggere e basta un frontespizio a farti infantilmente cambiare idea.Il bello degli amici è la loro concretezza, il poter interagire, confrontare. Reazioni. Parli, confronti.Mi piace. Mi sa di libertà.Di realtà.Respiro. Fra parole che scorrono per quel che devono essere, con sapori che talore suonano infantili o dissonanti ma non si negano. Mi piacciono queste parole, hanno difetti artigianali e nessun correttivo, nessun dolcificante, correttore di sapidità o colorante a porre rimedio. Confronti non con colori corretti ma con gli stanchi rossi di vini acerbi o di formaggi stagionati male, in una cantina dall’umidità sbagliata. E consigli sull’invecchiamento del mosto, sulle erbe da usare per insaporire...

Lo diceva quel tizio (ma io non so fare il copia ed incolla sul mac)

Qualcuno diceva a mano a mano. Così, fra le vie strette, le piazze, i parchi ordinati. Tutto quel bianco, tutti quei sorrisi. Quelle parole, quei cuscini. Allora, a mano a mano.

Noccioline

C’è un Lupo che mi aveva seguito a Karlsruhe e che ora ritorna sulla scrivania. C’è un biglietto piccolo, carta bianca, trovato aprendo un DVD. C’è che sto bene. Io, che guardo per ideali a destra, ascolto il discorso di un’attivista del PD (http://www.youtube.com/watch?v=fVXoMoEu5Os) che si lancia nel dire in faccia ai vertici del proprio partito dove sbagliano. Conclude il suo applauditissimo intervento chiedendo che i candidati alle europee vengano indicati dalla base del partito invece che dai vertici. Il suo discorso riscuote un grosso successo, moltissimi lo guardo su youtube, diversi giornali lo riprendono. Il partito le offre la candidatura alle europee, lei accetta. Io penso che, in generale, le parole siano più facili e meno...

Di oggi e di domani

A volte è difficile non aspettare domani, voglio dire, oggi sembra più povero. E’ tutta strada sai. Senza strade non ci sarebbero posti. E senza posti dove ti incontrerei?